Francesco Perronen. 20 Riflessioni 4.0

Eroi criminali e processi comunicativi-relazionali nell’ industria culturale.

BuoncompagniGiacomo*



Vi è una forte percezione di insicurezza nel nostro Paese in seguito a vari fenomeni come terrorismo, immigrazione, disoccupazione, una crisi economica che non sembra mai avere fine, terremoti e nessuna istituzione sembra avere per ora i giusti strumenti ed un adeguato piano politico-economico per far ristabilire un livello accettabile di sicurezza sociale o perlomeno far percepire questo ai cittadini.

La sociologia urbana in questi casi parla di “disorganizzazione sociale” e a questa poi, spesso, segue una “disorganizzazione individuale”.

L’evoluzione della società, i nuovi media elettronici e digitali, il fenomeno della globalizzazione, cambiamenti politico-economici ed in particolare, la costante e quotidiana rappresentazione del crimine e della violenza da parte dei mass media, hanno fortemente influito sulle interazioni umane, cambiando radicalmente il modo di relazionarsi e di comunicare, di costruzione e percezione della propria identità e realtà.

Sono questi processi a caratterizzare le trasformazioni sociali e il crescere dell’egoismo umano, «dove gli individui , affinchè la violenza sia efficace, agiscono strategicamente colpendosi a vicenda in condizioni emotivamente favorevoli» (Collins,2014).

Occorre superare ciò che Collins (2014) chiama la «barriera emotiva della paura dello scontro» che si è sviluppata negli uomini , in seguito al processo di civilizzazione e alla nascita di una “cultura della violenza contemporanea”.

La contemporaneità viene dunque raffigurata e percepita come pericolosa e violenta, criminale, dove l’interazione tra individui si verifica quasi esclusivamente attraverso i nuovi strumenti di comunicazione digitale, con un rischio sempre maggiore di incomprensione, di relazioni empatiche e quindi di “patologie comunicative” (Marotta ,2014) .

Una società, quella post-moderna, dove la comunicazione umana non è più un mezzo per costruire e migliorare le relazioni tra attori sociali, per raggiungere scopi comuni, ma “un’arma” per prevaricare ed “eliminare” l’altro e raggiungere cosi i proprio scopi personali, se necessario, anche utilizzando la violenza (Corradi, 2009).

Corradi (2009) parla di comunicazione malata e violenza, come elementi che diventano non solo veri e propri strumenti di forza, ma anche forze generatrici di potere, che con esso si confondono: forze sociali capaci di strutturare la realtà e conferirle significato.

C’è una “violenza culturale” e una “comunicazione patologica” nella società delle nuove tecnologie e dei linguaggi digitali, la stessa comunicazione che ha permesso all’uomo di costruire relazioni.

A quanto pare, la realtà in cui viviamo non è per nulla differente da quella cinematografica.

L’ottavo Rapporto sulla sicurezza e l’insicurezza sociale in Italia e in Europa (2015), sottolinea come viviamo ormai un sentimento ed una situazione di costante abitudine all’insicurezza e alle vicende di criminalità: è normale ascoltare in un Tg di circa 30 minuti con un alto numero di notizie ansiogene, di stragi, sequestri dove i riflettori illuminano sempre e solo chi commette violenza all’interno di una narrazione generalizzata che tende a dimenticare la vittima e il dolore della famiglia.

Perché è tutto un rimandare “alla vita degli altri”, finchè non siamo noi a ritrovarci in prima persona in una tragica situazione (Bartholini,2015).

La criminalità è ancora in testa nell’agenda dell’insicurezza: cambia però la narrazione delle notizie cosiddette “ansiogene”.

«Il piacere della violenza che viene inflitta al personaggio rappresentato,trapassa a sua volta,in una violenza inflitta allo spettatore ,lo svago si trasforma in tensione e sforzo».

Cosi scrivevano i due filosofi della Scuola di Francoforte, Max Horkheimer e Theodor e W. Adorno nella Dialettica dell’Illuminismo.

I due francofortesi precisano che «l’industria culturale è, prima di tutto, una fabbrica del consenso che ha liquidato la funzione critica della cultura, soffocandone la capacità di elevare una protesta contro le condizioni dell’esistente» (Horkheimer,Adorno,1982).

L’industria culturale diventa cosi uno strumento di comunicazione persuasiva e di manipolazione con una precisa funzione sociale: creare obbedienza, riconoscere nel pubblico mediatico un ruolo di passivitàn in stretta continuità con la teoria ipodermica (Wolf, 1987).

Nel moderna società del web e della comunicazione, si assiste ad un profondo mutamento anche da un punto di vista linguistico: il linguaggio cinematografico e il linguaggio giornalistico in particolare, diventano pressoché identici: dalla rappresentazione del profilo del criminale alla descrizione fin troppo dettagliata della scena criminis.

Quello che viene comunicato alle audiences, non è un fatto ma un vero e proprio racconto spettacolarizzato.

Un racconto con protagonisti, antagonisti, colpi di scena, flashback, che non sempre in realtà hanno un lieto fine, ma poco importa: lo spettatore è abituato, infatti, a conoscere il male e questa abitudine non fa che rafforzare (non aumentare) il senso di insicurezza e paura che da tempo fa parte dell’individuo e della moderna società.

Un racconto che spesso non segue delle logiche temporali, che mette da parte il concetto di privacy e libertà , al fine di raggiungere un numero di click elevato e dominare nel mondo del marketing giornalistico (Forti,Bertolino,2015).

Il criminologo Meluzzi(2014) riconosce due principali fattori che alimentano questo tipo di meccanismo: quello del misterioso storytelling giallistico ( fin dall’inizio si fa un’enorme difficoltà a comprendere quale sia la verità e come sia avvenuto quel fatto) e l’altro, è quello legato al processo penale mediatizzato, che ha inevitabilmente incurvato il meccanismo di formazione della giustizia e aperto le porte ad un pubblico non sempre pronto ed interessato alle situazioni giuridiche.

Per Walter Benjamin (2000), nel momento in cui un evento o un atto divengono riproducibili in una prospettiva di massa, cambia la loro natura perché muta la raffigurazione e la sostanza.

Si è creata cosi una ricerca della notizia, dello “scoop mediatico” a tutti i costi, anticipando pericolosamente gli esiti giudiziari.

L’informazione quindi, è stata veicolata attraverso brevi articoli o annunci, perdendo quel nobile obbiettivo di un’informazione precisa ed equilibrate e lasciando il posto a veri e propri “processi mediatici”e “spettacolari notizie” di delitti, stupri, attacchi terroristici che assumo più sembianze hollywoodiane che quelle di una sana informazione.

Questo scenario sociale cosi costruito, questo modo di relazionarci e di comunicare, la modalità di rappresentare il crimine ed i criminali, ha fatto si che la violenza e l’insicurezza diventassero parte del pubblico e del suo sistema di percezione e cognizione (Meluzzi,2014).

Lo spettatore -cittadino curioso, s’interessa e partecipa ai processi e alle indagini, impaziente di completare quel cruciverba cosi tanto contorto ma con una capacità di empatia, di compassione cosi bassa verso chi ha subito un atto violento, da renderlo quasi un non-umano; c’è un adattamento costante a tali dinamiche communicative; il pubblico appare paradossalmente domato, obbediente, modellato in base ai contenuti mediatici (Gerbner, 1971).

Continui messaggi violenti ed immorali, possono favorire l’identificazione con personaggi negativi o antisociali e comportamenti emulatori (Popper,2002): l’azione suggestiva è tanto più sottile quanto meno è palese la comunicazione, che può suggerire risposte specifiche nello spettatore o nel lettore, senza che questi se ne renda conto .

Come lo studioso George Gerbner (1971) sosteneva, si attiva quello che viene definito un “processo di coltivazione” ovvero un processo continuo, dinamico in sviluppo di interazione tra messaggi, audiences e contesti.

Gerbner svolse tra gli anni ’60 e ’70 vari studi sugli effetti della televisione sulla popolazione negli Stati Uniti ,dividendo il pubblico in tre categorie: low-user (coloro che guardano meno di 2 ore al giorno televisione), normal-User (tra le 2 e le 6 ore al giorno)e gli heavy-User (più di 6 ore al giorno).

Analizzando, in particolare il terzo gruppo, lo studioso formulò la sua tesi della coltivazione e cioè che l’uso massiccio del mezzo televisivo non ha effetti immediati sul pensiero, ma produce nel lungo termine un effetto di “coltivazione” e provoca un cambiamento della percezione della realtà, facendo vivere lo spettatore in un mondo modellato su ciò che viene trasmesso nella televisione (Bentivegna ,2008).

E’ fondamentale individuare un mainstream televisivo che può essere raffigurato come una comunanza di rappresentazioni del mondo e di valori, individuato a seguito di una elevata esposizione televisiva (Bentivegna,2008).

I media e la cinematografia stanno inoltre creato, ultimamente, una schiera di supereroi discutibili (es.eroi marvel), che non consentono più una separazione netta tra bene e male, aumentando il livello di percezione dell’insicurezza.

L’industria culturale sta introducendo nuove figure dell’immaginario che andranno a modificare l’immagine stessa dell’eroe.

Anche la rete e i media digitali presentano un loro “lato oscuro” in quanto non hanno contribuito a limitare questo fenomeno anzi, secondo l’ex agente del Bureau J. Douglass (2008), la nuova criminalità è cresciuta parallelamente alla nascita delle nuove tecnologie e modalità di comunicazione.

Si è passati da una comunicazione identificativa con i media elettronici, a una comunicazione “anonimizzata” con i media digitali dove informazioni e utenti spesso non hanno fonte, non hanno identità, c’è un flusso comunicativo che ha un inizio e che si muove velocemente all’interno di una realtà che non ha fine, dove vengono filtrati tutti i comportamenti umani.

Il web, i social network ci hanno resi tutti cittadini attivi all’interno di uno spazio virtuale dove riceviamo notizie in tempo reale, le discutiamo, le confrontiamo, le condividiamo e approfondiamo senza limiti di tempo e spazio (Menduni,2009).

La multimedialità e le nuove rappresentazioni virtuali differenziano i nuovi media dai tradizionali e vanno ad incidere anche su cultura e comportamenti, aumentando l’identificazione tra modello e target di riferimento e la costruzione di auto-efficacia, ciò che viene offerto è estremamente somigliante alla realtà.

Uno dei principali rischi infatti, è proprio quello legato alla difficoltà di percezione e di discernimento tra la “reale realtà “ e quella virtuale-mediatica che investe anche la sfera privata, influenzando le credenze, i valori, i modelli di comportamento che orientano la nostra vita quotidiana, in un processo di «coltivazione» che inizia fin da bambini .

L’elettronica, l’informatica ed Internet, hanno decisamente modificato il modus operandi e vivendi delle imprese, dei comuni cittadini, ma anche di chi compie attività criminali.

L’anonimato, gli slang, la velocità e la brevità dell’informazione, i dati criptati, la costruzione di personalità differenti online , l’inserimento e la condivisione di file di qualsiasi natura, favoriscono la messa in atto di azioni illegali coinvolgendo anche individui che , in assenza di uno schermo e di una rete internet, non avrebbero mai avuto il coraggio di compiere certe azioni (Lorusso,2011).

Paradossalmente, sono dunque proprio gli utenti che utilizzano chat e social network a sentirsi liberi di delinquere, la loro immaginazione in rete non ha più confini.

Negli anni passati eravamo “costretti” ad interagire attraverso il contatto visivo, linguaggio del corpo e aspetto fisico.

In rete, l’interazione è molto più veloce, spesso strumentale, si passa da una chat o da una email all’altra e la mancanza di limitazioni, autocontrollo hanno reso il cyberspazio un luogo ingannevole e i cyber-comportamenti violenti (Lorusso,2011).

In base ad uno studio del sociologo americano David Finkelhor (2008), le vittime del cybercrime oggi sono soprattutto minori e il contatto con il proprio carnefice avviene principalmente online, chattando in apposite chat-room riservate e precisamente, attraverso Instant message (10%) ed email(5%).

Inoltre, dopo gli attacchi terroristici avvenuti a Parigi il 13 novembre 2015, l’International Centre for the Study of Radicalisation (ICSR) di Londra ha scoperto come social network, chat, tweet, fossero improvvisamente diventati mezzi di propaganda e di reclutamento di criminali terroristi con più di 27mila account attivi in rete.

Senza comunicazione non vi sarebbe terrorismo” affermava già circa cinquant’anni fa, Marshall McLuhan(1967) il “ profeta del villaggio globale”.

Quando McLuhan esprimeva questi suoi pensieri non esisteva ancora Internet, non esisteva ancora la CNN, la rete globale dell’informazione era in una fase embrionale rispetto a oggi .

Cyber -bulli,cyber pedofili, cyber-terroristi, sono dunque questi i nuovi criminali che agiscono in Rete, sfruttano i nuovi linguaggi digitali per mettere in atto strategie comunicative persuasive e manipolatorie per i propri interessi, per danneggiare persone, per destabilizzare istituzioni, per rubare dati ed informazioni private.

Questa è il lato violent e criminale della comunicazione contemporanea, questi sono i moderni “ criminali-supereroi”, che non sempre hanno un nome o un volto, ma che mediaticamente ancora funzionano e incuriosiscono.

Realtà devianti quelle mediatiche, virtuali e sociali dove non ci sono più confini e il rischio di distorsione e apprendimento di alcuni comportamenti e linguaggi diventa sempre più concreto.

C’è un evidente problema e con-fusione anche riguardo all’identità e al ruolo della vittima e del carnefice: chi è il buono e chi è il cattivo?

Perché, se il linguaggio mediatico utilizzato si concentra sempre e solo sul turbolento passato e sulle psicopatologie dei criminali quasi a giustificarlo, può essere si un colpo di scena in un racconto di fiction o in un fumetto manga, ma non può essere un fatto reale, dove personaggi sono soggetti reali.

Il messaggio che percepisce lo spettatore, già turbato dall’evento, è che il “povero” killer non abbia poi cosi tanta responsabilità nel suo gesto perché malato o perché ha appreso da amici e familiari determinati comportamenti.

Non si può dunque coprire o giustificare atteggiamenti o comportamenti, solo per audience.

La percezione di tali rischi è ancora molto bassa, ma la possibilità che quello che per ora è percezione diventi fatto sociale concreto è sempre più vicina.

Questo sistema ormai comune di comunicare, rappresentare e raccontare determinati fenomeni e individui da parte dei media e l’incontrollabile ed eccessiva curiosità dello spettatore di conoscere la violenza a tutti i costi, è cosi presente nche nel web senza limiti e tutele.

Tale condizione non fa altro che rafforzare quell’individualismo, quell’aggressività, quella voglia di dominio e controllo sull’altro che caratterizzano le relazioni umane e l’inizio di una nuova “cultura della violenza”(Gallino,2006) .

Non è quindi solo un problema di comunicazione- relazione, ma anche un profondo problema

educativo e culturale.

Non esiste più un unico centro culturale, ma una pluralità di opzioni valoriali molto spesso contraddittorie e differenti o meglio ancora, una pluralità di sub-culture (spesso devianti e violente ) definite come sottoinsieme di elementi culturali, condivisi dagli elementi di un gruppo, inteso come « relazionalità interna più consistente di quella esterna, che si pongono in aperta o celata opposizione alle norme e ai valori propri della cultura dominante nella quale sono inseriti» (Cipolla,1997).

Buoncompagni Giacomo

Dottore in comunicazione , specializzato in comunicazione pubblica e scienze socio-criminologiche . Ha conseguito diplomi di master universitari di secondo livello in ambito criminologico-forense. Esperto in comunicazione strategica e linguaggio non verbale. Cultore della materia e Collaboratore di Cattedra in “Sociologia generale e della devianza“ e “Comunicazione e nuovi media”presso l’Università di Macerata. E’ Presidente provinciale dell’associazione Aiart di Macerata e autore del libro “Comunicazione Criminologica”( Gruppo editoriale l’Espresso2017). giacomo.buoncompagni@libero.it

 

 

Bibliografia

Bartholini I.(2015), Violenza di prossimità, Franco Angeli, Milano

Benjamin W.(2000), L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica Einaudi ed., Torino Bentivegna S.(2008), Teorie delle comunicazioni di massa, Ed. Laterza,Bari

Cipolla C. (1997), Epistemologia della tolleranza, Franco Angeli, Milano Collins R.(2014), Violenza. Un’analisi sociologica, Rubettino, CZ Corradi C. (2009), Sociologia della violenza, Meltemi editore, Roma

Douglass J., Burgess A., Ressler R. (2008), Crime Classification Manual, CSE,Torino Finkelhor D. (2008), Childhood Victimization, Oxford University Press

Gallino L. (2006), Dizionario di sociologia, Utet, Torino

GERBER G., Violence in Television Drama: Trends and Symbolic Functions, in G.A. Comstok and

E.A. Rubistein, Television and Social Beavihour, Washington, D.C. U.S. Government Printing Office, 1971.

Horkheimer M., Adorno T.(1982), Dialettica dell’Illuminismo, Einaudi editore, Torino Lorusso P. (2011), L’insicurezza nell’era digitale, Franco Angeli, Milano

McLuhan M.(2008), Gli strumenti del comunicare, Il Saggiatore,Milano

Marotta G.(2014), Profili di criminologia e comunicazione, Franco Angeli, Milano Meluzzi A. (2014), Crimini e mass media, Infinito edizioni,Formigine (MO).

Menduni E. (2009), I media digitali, Ed. Laterza, Bari

Popper K.(2002), Cattiva maestra televisione, ed.Marsilio,Venezia

VIII Rapporto sulla sicurezza in Italia e in Europa(2015) – Osservatorio Europeo sulla sicurezza