Gianluca Ceccarini

Pubblicato il Pubblicato in Gianluca Ceccarini, Indice degli autori

  Laureato in Lettere e Filosofia presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza, anno 2001-02, indirizzo Demo-etno-antropologico. Socio fondatore dell’ ARSDEA: Associazione Ricerche e Studi Demo-etno-antropologici. Socio ordinario della STAS, Società Tarquiniense d’Arte e Storia. Ideatore del progetto di documentazione e divulgazione dei caratteri peculiari dell’Altopiano di Gorga (Roma), denominato “Progetto Lepinia” presso il Comune di […]

Dal landscape al bodyscape

Pubblicato il Pubblicato in Gianluca Ceccarini, n. 10 Limen - Bodyscape tra gentrification, anomie e culture

Gianluca Ceccarini – Molte discipline sociali, e quella antropologica in particolare, hanno ampiamente dimostrato come i concetti di identità e paesaggio siano estremamente polisemici e ambigui e quanto spesso si rivelino come finzioni e costruzioni culturali. L’ambiguità e l’inafferrabilità derivano fondamentalmente da una caratteristica che li accomuna e li determina entrambi: la loro natura persistente ma processuale, il loro essere in una condizione di trasformazione continua, reale e simbolica, in un work in progress senza soluzione di continuità.

Gianluca Ceccarini

Pubblicato il Pubblicato in Gianluca Ceccarini, Indice degli autori

Laureato in Antropologia presso l’Università la Sapienza di Roma con una tesi sulle dinamiche di identità territoriale relative ai culti micaelici nei santuari ipogei. Nel 2001 sono socio fondatore dell’ARSDEA Associazione Ricerche e Studi Demo-Etno-Antropologici, tramite la quale svolgo diverse attività: ricerche sul territorio, allestimenti museografici, partecipazione e organizzazione di convegni, pubblicazione di articoli. Mi […]

Antropologia del paesaggio: il landscape come processo culturale

Pubblicato il Pubblicato in Gianluca Ceccarini, n. 9 Scienze Sociali - Argomenti

Scienze Sociali – Riflettere sul concetto di paesaggio in una prospettiva antropologica significa pensare al paesaggio in quanto territorio di una comunità, spazio del vissuto, momento di relazioni, e riconoscere che tale nozione, entrata nel linguaggio comune e apparentemente intellegibile, è in realtà ‹‹polisemica, ambigua, sfuggente.